D’Anna (Onb): precisazioni normative su un articolo pubblicato sulla testata Quotidianosanita.it circa la distinzione tra nutrizionisti e dietisti

4 Luglio 2019 Off Di N1COL4

Testo della lettera inviata dal presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi, Vincenzo D’Anna, al direttore della testata Quotidianosanita.it.


Egregio Direttore,

sono pervenute all’Ordine Nazionale dei Biologi numerose lamentele inerenti al contenuto dell’articolo pubblicato si Quotidianosanita.it il 2 luglio u.s., dal titolo “Dietisti e nutrizionisti. Tsrm, Pstrp e Andid: “Facciamo chiarezza. Ecco le informazioni corrette”.

L’articolo ospita delle dichiarazioni del Presidente e del Coordinatore del Gruppo per gli Aspetti giuridici e medico-legalidella Federazione Nazionale Tsrm – Pstrp, rese con il supporto dell’Andid, un’associazione nazionale di dietisti.

L’intento dichiarato è quello di fare chiarezza sul tema del rispettivo ambito di competenze tra la professione di dietista e quella di nutrizionista; purtroppo le dichiarazioni contenute nell’articolo raggiungono l’effetto opposto e, se non adeguatamente rettificate, rischiano di diffondere, pericolosamente, notizie assolutamente non rispondenti al vero.

In primo luogo, tutte le dichiarazioni pubblicate sorvolano sul fatto che quella di dietista sia una professione sanitaria tecnica, con una formazione di base sensibilmente meno approfondita sugli aspetti, ad esempio, della biochimica e della fisiologia.

Si tratta di una differenza di enorme rilievo che, del resto, e contrariamene a quanto si legge nell’articolo, impedisce al dietista di operare in autonomia.

Malgrado i tortuosi tentativi di aggirare il contenuto precettivo della legge istitutiva della professione di dietista, infatti, l’art. 1, comma 2, lettera c), del d.m. 744/1994 stabilisce, incontrovertibilmente, che il dietista: “elabora, formula ed attua le diete prescritte dal medico e ne controlla l’accettabilità da parte del paziente”.

In realtà, il discrimine fra le competenze di medici, biologi e dietisti è stato efficacemente tracciato, già da alcuni anni, dal Consiglio Superiore di Sanità, con parere del 12 aprile 2011, inspiegabilmente ignorato nelle dichiarazioni ospitate nell’articolo, secondo cui:

a) Mentre il medico-chirurgo può, ovviamente, prescrivere diete a soggetti sani e a soggetti malati, è corretto ritenere che il biologo possa elaborare e determinare diete nei confronti sia di soggetti sani, sia di soggetti cui è stata diagnosticata una patologia, solo previo accertamento delle condizioni fisio-patologiche effettuare dal medico-chirurgo.

b) Il biologo può autonomamente elaborare profili nutrizionali al fine di proporre alla persona che ne fa richiesta un miglioramento del proprio ‘benessere’, quale orientamento nutrizionale finalizzato al miglioramento della salute. In tale ambito può suggerire o consigliare integratori alimentari, stabilendone o indicandone anche le modalità di assunzione.

c) Il dietista, profilo professionale dell’area tecnico-sanitaria, individuato dal D.M. 14 settembre 1994, n. 744, ex art. 6, comma 3, del D. Lgs. 502/92, ‘svolge la sua attività professionale in strutture pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero professionale’ e, in particolare, in collaborazione con il medico ai fini della formulazione delle diete su prescrizione medica.

La prego, pertanto, di ospitare questa mia dichiarazione sul Suo giornale.

Mi preme chiarire che il mio intento non è quello di accreditare la prevalenza della professione sanitaria di biologo rispetto a quella tecnico-sanitaria di dietista o la maggiore dignità dell’una a scapito dell’altra ma solo di chiarire i reciproci confini nel campo della nutrizione umana, confini che, nell’articolo del 2 luglio, non sono stati adeguatamente tracciati.

Le invio molti cordiali saluti.

Il Presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi

Sen. Dr. Vincenzo D’Anna