Il sen. D’Anna candidato alla carica di Presidente ONB. Comunicato Stampa

29 Agosto 2017 Off Di N1COL4

Caro Collega,

è mia intenzione candidarmi alla Presidenza del Consiglio d’Ordine dei Biologi con l’apporto di una squadra rappresentativa delle diverse realtà regionali e delle diverse attività svolte dai Biologi nei vari ambiti di competenza professionale.

Qualora le democratiche e libere elezioni che saranno indette dai Commissari Straordinari insediati presso l’ONB ai primi del mese di Settembre c.a., dessero il risultato da me auspicato, rimetterò immediatamente il mandato di Senatore della Repubblica per dedicare ogni sforzo al rilancio della Categoria ed al ripristino di una necessaria stagione di legalità, legittimità e trasparenza amministrativa.

L’Ordine dei Biologi ha subìto, insieme ai propri iscritti, il disonore di due scioglimenti degli Organi Statutari per i brogli elettorali accertati in sede di Tribunali Amministrativi e della Corte di Cassazione, nonché in sede penale a carico dei presunti responsabili.

Per ben due volte l’Ordine è stato Commissariato per le ripetute violazioni di Legge.

Sono emersi, in questi anni, pesanti responsabilità di tipo contabile con considerevoli ammanchi di danaro ed è peraltro in corso una istruttoria in sede penale a carico di taluni dirigenti dell’ONB.

Questa, in vero, la poco edificante realtà che si para innanzi a tutti coloro che si propongono di determinare una radicale modifica del gruppo dirigente che si è trasformato, nel corso dei decenni nei quali ha ininterrottamente operato, in una proterva Nomenclatura.

 Quali siano le condizioni in cui versa la Categoria sono note a tutti e da recenti indagini demoscopiche è emerso che i Biologi sono addirittura ultimi nella graduatoria di coloro che, a cinque anni dal conseguimento della Laurea, hanno possibilità occupazionali. Una Categoria, diciamocela tutta, lasciata a se stessa ed un Ordine diventato un mero e ben remunerato mestiere per i suoi incuranti ed eterni dirigenti.

Mi propongo di lavorare, in ogni caso, come ho già fatto nelle Aule Parlamentari, non perché mosso da ambizione, ma da un dovere nei confronti di tutti quanti voi, a cominciare dai miei figli Biologi anch’essi.

Questo è il momento nel quale potrete decidere rendendo vane le lamentazioni postume di coloro che disperdono questa opportunità democratica. L’invito è a votare affinché possiate rendervi protagonisti del Vostro futuro determinando l’attesa svolta che vi affranchi dal Vostro passato.

Con viva cordialità vi saluto.

                                                                                                                         Vincenzo D’Anna

[Clicca qui per scaricare la lettera in formato .pdf]