HomeNotizieSalute. Epatite C, sen. D'Anna (GAL): "Nuovi farmaci sostenibili per Ssn"

Salute. Epatite C, sen. D’Anna (GAL): “Nuovi farmaci sostenibili per Ssn”

ROMA. “L’acquisto dei nuovi farmaci per contrastare l’Epatite C non manderà in fallimento il Sistema sanitario nazionale, come già evidenziato nell’interrogazione parlamentare che ho presentato al ministro della Salute Beatrice Lorenzin”. Lo evidenzia il senatore Vincenzo D’Anna, vicepresidente del gruppo Grandi Autonomie e Libertà, in occasione della negoziazione dell’Aifa con le case farmaceutiche produttrici dei nuovi farmaci.

“La tesi che abbiamo presentato al ministro – spiega D’Anna – è stata ripresa anche da Saverio Mennini, direttore del Ceis dell’università di Tor Vergata che  ha pubblicato un modello su Health Policy Model dimostrando i risparmi che avrà il Ssn. Come abbiamo già detto, bisogna tenere conto che l’uso di questi farmaci, bloccando la progressione della malattia e, in molti casi, determinando la guarigione degli ammalati, consente di ottenere forti risparmi della spesa socio-sanitaria (evitando trapianti e cure necessarie per una malattia cronica come l’epatite C) probabilmente tali da compensare i costi derivanti dall’immissione dei nuovi farmaci sul mercato.  In Italia, nel 2012, secondo lo studio di Mennini, c’erano 1,2 milioni di pazienti infetti. Di questi, circa 211.000 pazienti sono stati diagnosticati , mentre circa 11.800 soggetti sono effettivamente in trattamento con farmaci anti – Hcv . Una riduzione delle spese sanitarie viene associata a una diminuzione di prevalenza. Infatti , una volta raggiunto il picco di spesa nel corso di questo decennio (circa  527.000.000 euro) , il modello di Mennini prevede una riduzione dei costi nei seguenti 18 anni. Secondo il modello nel 2030, grazie ai trattamenti più efficaci attualmente disponibili , i costi sanitari diretti associati alla gestione dei pazienti con Epatite può raggiungere 346.000.000 euro con una riduzione del 34,3 % rispetto al 2012. Il primo scenario perla di una diminuzione delle spese sanitarie dirette pari a 11,1 milioni di euro . Il secondo scenario (aumentando i pazienti trattati fino a 12.790) ha prodotto una riduzione di costo incrementale di 7.300.000 euro, raggiungendo un decremento netto pari a  18.400.000 euro. Nel terzo scenario (pazienti trattati = 16.770) si arriva a un netto calo del costo diretto fino a 44 milioni di euro. Dunque, un successo per i pazienti e il Servizio Sanitario Nazionale”.  

DA LEGGERE